La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 22/12/2014 08:01:18
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Amianto RSS Amianto
Assistenza RSS Assistenza
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Cassazione Sezioni Unite RSS Cassazione Sezioni Unite
Cassazione Tributaria RSS Cassazione Tributaria
Circolari - Messaggi - Note RSS Circolari - Messaggi - Note
Codice civile RSS Codice civile
Consiglio di Stato RSS Consiglio di Stato
Contributi RSS Contributi
Corte di Giustizia CE RSS Corte di Giustizia CE
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Canonico RSS Diritto Canonico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Diritto sindacale RSS Diritto sindacale
Dottrina RSS Dottrina
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Gestione separata Inps RSS Gestione separata Inps
Infortunistica RSS Infortunistica
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Leggi e Normative RSS Leggi e Normative
Legislazione RSS Legislazione
Legislazione comunitaria RSS Legislazione comunitaria
Licenziamento RSS Licenziamento
Merito Civile RSS Merito Civile
Merito Penale RSS Merito Penale
Militari RSS Militari
Pensioni RSS Pensioni
Premi Inail RSS Premi Inail
Previdenza Complementare RSS Previdenza Complementare
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
T.A.R. RSS T.A.R.
FOCUS
Decreto legge 8 aprile 2013 n. 35, convertito con modificazioni, nella legge 6 giugno 2013, n. 64. Documento Unico di Regolarità Contributiva - Durc
Il cassiere di banca affetto da insufficienza venosa agli arti inferiori per causa di servizio ha diritto al danno biologico ma non a quello morale e alla predita di chances
Artroprotesi dell'anca: sì al danno biologico per la non corretta gestione della fase post operatoria
Risarcimento del danno biologico e morale a causa di rumori molesti provocati dal suono del pianoforte
Ustione alle mani da prodotti caustici: la bidella ha diritto al risarcimento in danno biologico
L'indennizzo per danno biologico: le tabelle di valutazione
Danno biologico. Riconoscimento in assetto ereditario
Dal danno per inabilità al danno biologico nell'assicurazione generale obbligatoria Inail. Excursus tra i pronunciamenti della Corte Costituzionale
Riduzione della capacità lavorativa in sinistro stradale: danno biologico e liquidazione
Risarcimento e danno biologico. La casalinga non è paragonabile alla Colf
In tema di licenziamento illegittimo e richiesta del danno biologico
Risarcimento del danno da illecito - danno non patrimoniale - danno morale - danno biologico - danno patrimoniale - surroga dell'INAIL - criteri di liquidazione - danno differenziale
Il calcolo del danno biologico lieve o micropermanente: recente intervento della Suprema Corte
La tabella Inail per l'attuale valutazione civilistica del danno biologico
Copertura assicurativa degli oneri relativi al danno biologico in agricoltura.Addizionale sui contributi assicurativi per gli anni 2006/2007/2008
Danno estetico: per la richiesta del danno biologico se ne valuti attentamente la compromissione
In tema di danno biologico terminale
Danno biologico: addizionale sulla contribuzione agricola per la copertura degli anni 2004 e 2005
Incidente stradale – Evento letale – Intervallo di tre ore tra l’incidente e il decesso – Lasso non apprezzabile di tempo – Danno biologico e morale iure Hereditatis – Insussistenza - Tiziana Cantarella
Risarcimento del danno – Infortunio sul lavoro – Danno biologico differenziale – Criteri di calcolo
Liquidazione del danno biologico – Applicazione delle tabelle da parte del giudice – Danno morale – Uso delle stesse tabelle
Home Amianto Assistenza Codice civile Contributi Danno Biologico Dottrina Licenziamento Militari Previdenza Complementare

REPVBBLICA ITALIANA - IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE DEI CONTI

TERZA SEZIONE GIURISDIZIONALE CENTRALE

composta dai seguenti magistrati:

Dr. Gaetano       PELLEGRINO                Presidente

Dr. Silvio            AULISI                            Consigliere relatore

Dr. Enzo            ROTOLO                         Consigliere

Dr. Luciano        CALAMARO                    Consigliere

Dr. Eugenio        SCHLITZER                    Consigliere

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

(Numero 4/2006)

sul ricorso in appello iscritto al n. 21102 del registro di Segreteria proposto dall'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica (I.N.P.D.A.P.), rappresentato e difeso dall'Avvocato Raffaele Genovesi;

CONTRO

il Sig. M.A.  Adriano, rappresentato e difeso dagli Avvocati E.U., C.M., A.C.

AVVERSO

la sentenza n. 179/2004 della Sezione Giurisdizionale per la Regione Veneto, depositata in data 18.02.2004.

VISTA la sentenza appellata resa tra le parti del presente giudizio;

VISTO l'atto di appello notificato e tutti gli altri atti e documenti di causa;

UDITO alla pubblica udienza dell'11.11.2005, con l'assistenza del Segretario Signora Bianco Lucia, il consigliere relatore Silvio Aulisi, non presenti le parti.

Ritenuto in

FATTO

Con l'appellata sentenza la Sezione Giurisdizionale per la Regione Veneto, pronunciandosi sul ricorso proposto da M.A., quale ex dipendente portuale collocato a riposo dal 01.08.1994, avverso il provvedimento con il quale l'INPDAP aveva respinto l'istanza, da questi avanzata, di riliquidazione del proprio trattamento di riposo stesso ai sensi della legge n. 257 del 1992, ha riconosciuto il diritto del M.A., quale soggetto a suo tempo esposto all'amianto (giusta attestazione del competente ufficio dell'INAL) e quale lavoratore andato in pensione dopo l'entrata in vigore della disciplina invocata, ai benefici di cui all'articolo 13, comma 8, della predetta legge n. 257 del 1992, con interessi legali e rivalutazione monetaria.

Avverso la sentenza ha proposto appello l'I.N.P.D.A.P. chiedendo, in via principale, di voler dichiarare il difetto di legittimazione attiva del ricorrente, il difetto di legittimazione passiva dell'Istituto previdenziale, nonché il consequenziale difetto di giurisdizione del Giudice adito per attenere la pretesa al rapporto di impiego e, comunque, di voler respingere, per violazione dell'articolo 13, ottavo comma, della legge n. 257 del 1992,  la richiesta di controparte in quanto infondata. E ciò in quanto l'invocata norma, avente chiara finalità di favorire l'esodo dal lavoro, poteva trovare applicazione esclusivamente nei confronti dei soggetti occupati al momento della richiesta del beneficio. In via subordinata parte appellante ha chiesto che il beneficio sia riconosciuto con applicazione della prescrizione quinquennale.

Parte appellata si è costituita in giudizio ribadendo la giurisdizione di questa Corte dei conti, la propria legittimazione attiva, la legittimazione passiva dell'I.N.P.D.A.P. e, infine, l'applicabilità della prescrizione decennale vertendosi in tema di crediti non liquidi e non esigibili

All'odierna pubblica udienza, assenti i difensori delle parti, il giudizio è stato trattenuto per la decisione.

Considerato in

DIRITTO

Preliminarmente disattese tutte le eccezioni (di giurisdizione di questa Corte dei conti, di difetto di legittimazione attiva dell'appellante e di legittimazione passiva dell'Amministrazione) in quanto risulta dedotta in giudizio una questione che chiaramente attiene ad un rapporto pensionistico, il Collegio giudica l'atto di appello meritevole accoglimento sotto il profilo della non applicabilità, nei riguardi del ricorrente in primo grado, della normativa invocata.

E merita accoglimento in quanto (come già precisato da questa stessa Terza Sezione Giurisdizionale in sue precedenti pronunce: per tutte sentenza n. 693/05 del 17.11.2005) la finalità perseguita con la legge in discussione  -  e precisamente con l'articolo 13 della stessa, nel testo rivisitato dalla legge n. 271 del 04.08.1993 (di conversione del D.L. n. 169 del 05.06.1993)  -  non è di sicuro quella di incrementare i trattamenti pensionistici già erogati, ma unicamente quella di favorire l'esodo dal lavoro di soggetti esposti all'amianto in un periodo di ristrutturazione e di riorganizzazione delle imprese del settore.  

Le spese del presente giudizio possono essere compensate.

PER QUESTI MOTIVI

La Corte dei conti, Terza Sezione Giurisdizionale Centrale, definitivamente pronunciando, accoglie l'atto di appello proposto dall'I.N.P.D.A.P. avverso la sentenza in epigrafe e, per l'effetto, in riforma dell'appellata sentenza, non riconosce il diritto di M.A. a vedersi riliquidare il proprio trattamento di riposo ai sensi della legge n. 257 del 1992.

Spese compensate

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio dell'11 novembre 2005.

L'ESTENSORE                                                             IL PRESIDENTE

f.to Silvio Aulisi                                                       f.to Gaetano Pellegrino

Depositata in Segreteria il giorno 4 gennaio 2006

IL DIRIGENTE

f.to Antonio Di Virgilio        

Stampa il documento Torna Indietro
FORUM
Assegno di invalidità di Leopolda
Rispondi a questo post
Accedi al Forum
Nuova discussione
Elenco discussioni e feeds
CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter